Pro Loco CASTELLANETA
Pro Loco CASTELLANETA

Casata Perrone

a cura di D.Perrone

 

L’etimologista dell’ Ufficio Araldico di Firenze dell’Istituto Genealogico Italiano ne rileva l’origine Spagnola della Famiglia. “PERRONE” infatti è un nome spagnolo che trova riscontro nel nostro “Cangrande”.

La famiglia, col cognome già formato, passò in Sicilia al tempo di Pietro d’Aragona. Iscritti alla Nobiltà di Messina fin dal secolo XIV, possedette colà diversi feudi. Arricchitasi di discendenti passò nelle Puglie e negli Stati del Napoletano. Dovunque si stabilirono i PERRONE si distinsero per Nobiltà, Feudi, parentele illustri e uomini egregi. Non vi è storico o studioso di cose gentilizie dell’Italia Meridionale che non citi nelle sue opere. questa antica Casata.

La parentela esistente fra il ceppo Siciliano e i rami di Terra d’Otranto e del popolo primario di Bari è convalidata dalla similitudine delle armi e dello Stemma: AQUILA in Nero, Coronata di Oro nel 1° Semipartito Rosso - al LEONE DORO Coronato nel 2° d’Azzurro - nel 3° d’Argento con Capriolo Rosso.

 

“Le armi gentilizie sono le espressioni nobili di ogni aristocrazia e lo stemma ne è certamente la dimostrazione di Nobiltà. Esso rappresenta la bandiera intorno alla quale una famiglia si aggruppa,si unisce e mantiene la propria stirpe”. (da IST.G.I.)

 

I PERRONE si segnalano in Lecce fin dal XV secolo, godendo l’iscrizione alla nobiltà di quella città, e di Titoli su Feudi Nobili. “Cum Nobilitas Morum” del R. Decreto di C. D’Angiò.         

La famiglia originò uomini illustri, valenti dottori in legge, ecclesiasti e ben tre sindaci.

Questo ceppo siciliano dette origine successivamente al ramo dei Perrone di Castellaneta, allora provincia di Lecce.

Infatti il cognome Perrone comincia a comparire nei registri curiali di questa Città fin dal 1541 col battesimo di Francesco Carlo, figlio di tal Giacomo Perrone. Da questa data le sequenze dei vari discendenti furono davvero numerose, fino a giungere alla propaggine che più direttamente riguarda la nobile famiglia di Mauro Perrone. Di tal nobile ed antico casato, è presente nel governo amministrativo di Castellaneta sin dal 1571, Serio Perrone, in qualità di sindaco.

La genealogia di questo ramo della Casata PERRONE è la seguente: don Giuseppe Perrone sposò donna Agnese Cimba e dalla loro unione nell’anno 1750 nasce Domenico Perrone, da cui il magnifico don Giuseppe Perrone che sposò donna Aloysia Rocco, dalla cui unione nasce il 16 Luglio dell’anno 1831 MAURO – Carmelo – Giacomo –Pasquale PERRONE, primogenito di numerosi fratelli e sorelle, tra cui il Gentiluomo VITO T. PERONE (1849 – 1933) e Domenico,.

Mauro PERRONE morirà poi a 81 anni nella sua casa di via Perrone, il 24 febbraio 1913 verso le ore 16, cristianamente assistito dal sacerdote don Tommaso Margherita che ne impartì l’estrema unzione.

La sua epigrafe riporta la seguente incisione marmorea:

 

“A PERRONE

– Cav. Ing. Mauro - Mente eletta -

-cuore nobile- Integro Amministratore pubblico -

- che tutto se stesse dette pel bene del suo Paese – Illustrandone la Storia -

- Ammiratori sinceri posero. –

1913”

Dal summenzionato fratello Domenico, sposato a Serafina Lupis, nasce il molto reverendo Don Giuseppe Perrone..

"Inchiostro di Puglia" (il libro), in vendita, nella nostra sede.

Diventa Socio Pro Loco

PARTNERS

NICOTEL PINETO

Castellaneta Marina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Proloco Castellaneta - Via Vittorio Emanuele 89 74011 CASTELLANETA (TA) CF: 90218170737 - Partita IVA: 02944150735 - Tel./Fax 0994006178 - Tessera nazionale UNPLI 4578/2016 - Pro Loco Castellaneta iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale in data 07/08/15 con decreto n.87/II/2015