Pro Loco CASTELLANETA
Pro Loco CASTELLANETA

Proverbi e modi di dire

in dialetto castellanetano

a cura di Mons. DONATO COLAFEMMINA

Esiste una disciplina chiamata “paremiologia”, cioè lo studio dei proverbi. La parola deriva da ‘paroimia’, che in greco significa proverbio, massima, e ‘logos’, che vuol dire studio.

Ma che cosa è un proverbio?

E’ un detto, un motto, breve e spesso arguto, di origine popolare e molto diffuso, che contiene massime, norme, consigli, incitamenti desunti dall’esperienza, trasmesso di generazione in generazione con le stesse cellule del sangue e con gli stessi connotati dello spirito.

L’origine dei proverbi si perde nella notte dei tempi. Ne esistono tracce in ogni continente, in ogni civiltà e presso ogni popolazione e ovunque ne sono state fatte accurate raccolte.

C’è stato un tempo in cui l’umanità trovava solo nei proverbi le poche verità di ordine pratico e di ordine morale di cui aveva bisogno. Questi ‘avanzi dell’antichità filosofica’, come li avrebbe definito Aristotele, costituirono in qualche modo la base culturale su cui la gente impostò la sua esistenza.

Era naturale, perciò, che filosofi e studiosi se ne interessassero, come se davvero il nostro mondo non avesse saputo esprimere niente di più necessario, di più importante, di più utile, di più autorevole, di più bello e di più pratico e che solo nei proverbi avesse condensato il frutto della sua esperienza, elevandoli a rango di ammaestramento ed a codice di vita.

….

Questa ricca miniera di insegnamenti, questa autorevole cattedra di verità, siamo soliti indicarla così: ‘la sapienza dei vecchi’, ‘ Adacchessi descèvene gli andiche’: così sentenziavano i nostri antenati. L’espressione è come un sigillo, posto a garanzia della verità e della sapienza contenuta nei proverbi. Anche se l’enunciato non sempre si intona ai principi dell’etica naturale e della morale cristiana, anche quando esso scaturisce da istintiva reazione o sa di aggressività, di sfida, di dispetto, di odio e di vendetta, anche se assume tono e forma di scherzo e talvolta di amaro e pungente sarcasmo, il proverbio ti permette di rifare quella strada e quella fonte da cui è scaturito e dietro il significato letterale ti lascia intravedere almeno un altro recondito. Per trarne profitto è necessario che chi lo legge non si fermi alla superficie ma vi faccia con posato animo le debite riflessioni, che lo penetri nel suo profondo significato

                                                                                  Mons. Donato COLAFEMMINA

Addò se conzume’u fuèche … ddè rumène ‘a cènere (Là dove si consuma un delitto ivi stesso, in genere, ne rimane qualche traccia).

 

Addò nò mmitte l’èche … mitte ‘a chèpe (Rimedio ritardato… danno aumentato).

 

‘A fèmene ca sèpe ‘u latine è ‘nna cosa rère: ci te la pigghie pè mmegghière, sott’ a iedde h’a ffelè (La moglie, se è più colta del marito, ne diminuisce l’autorità ed il prestigio).

 

‘A rrobba vecchie vè mmore a’ chèse dù pacce (Chi acquista merce senza averne competenza è facile vittima di imbrogli).

 

‘A iamme vole l’abbinde e ù uecchie vole ‘u vinde (La stanchezza vuole riposo, l’occhio ha bisogno di divagazione).

 

‘A notte dì dritte è ccorte, chedde dì minghiarile è llonghe (La persona intelligente trova subito una soluzione ai suoi problemi; la persona schiocca non approda mai a nulla).

 

A prima megghière t’ ’a manne ù Segnore, la seconde ù diàvele, à terze nu fetende (La prima moglie ti salva, la seconda ti fa dannare l’anima, la terza ti spoglia vivo).

 

Agnedune tire ù fuèche nnanz’ à pegneta so’ (Ognuno cerca il proprio vantaggio e’ spesso, anche a danno altrui).

 

‘A vìsete de matine uaste ‘a cucine (Le visite vanno fatte a tempo debito).

 

A’ ‘Nunziète … o nète o chiandète (Per l’Annunziata ogni pianta è in germoglio).

 

Addò non arrive ‘a forze … arrive ‘u ngegne (Le difficoltà che non riesce a superare la forza fisica, le supera la forza dell’ingegno).

 

Accatte quanne si’ ppreiète … e vvinne quanne sì addumanète (Sappi sfruttare le occasioni favorevoli).

 

Addò arrive … chiande ‘u zippe (Tira avanti finchè puoi; quando non ce la fai più, fermati).

 

‘A cère squagghie e ‘a precessione non ge camine (Quando si perde tempo in chiacchiere o perdura uno stato di indecisione non si combina mai nulla di buono).

 

‘A fatije se chième ‘fète ..’: veiète a cci la scanze! (La fatica, per quanto idealmente bella, non piace a nessuno).

 

‘A iaddine fèsce ‘u uève … e o’ iadde nge iuscke ‘u cule (Si dice di chi si vanta di un successo con il lavoro ed i sacrifici degli altri).

 

‘A pèchera zoppe… ‘u iazze l’aspette (Si dice di chi dal traviamento passa al ravvedimento).

 

‘A carna triste …n’ ‘a vole ‘manghe Criste (Le persone di ostinata cattiva volontà sono di disgusto persino a Dio).

 

‘A rascione è ddì fisse (La ragione pretesa in modo assurdo e petulante diamola pure agli sciocchi, pur di farla finita e di non far cattivo sangue).

 

‘A troppa cumbedenze vè sspicce a mmèla creianze (La troppa confidenza degenera in mancanza di rispetto).

 

All’opre si vède Prucenelle! (La capacità e l’importanza di una persona si deducono dai fatti che compie e non dalle parole che dice).

 

Addove vè a vè, tutte ‘u munne è accome caste (Tutto il mondo è paese).

 

Arripe ‘a sambogne chè cquanne abbesogne (Parla e agisci al momento opportuno e sicuro).

 

Arrevète a cquarand’anne … sc’ttete a mmèere chè ttutte i panne! (Sulla quarantina la macchina umana accusa già i primi sintomi del suo logorio).

 

Ame fatte ch ènne fè ‘a crosce … e nn’ame cechète i uecchie (Per torvarsi meglio, ci si trova peggio).

 

Abbùsckete cusse … e vvè l’a ccunde a cCriste! (Chi non si lascia convincere dalla forza della ragione, va convinto con la forza del bastone).

 

Addrizzè ‘a leione quanne è vverde (La correzione dei difetti va fatta a tempo debito).

 

‘A rugne iune se l’h ‘a ggrattè chi’ mène so’ stesse (Ognuno, potendo, rimedi da se stesso ai propri guai e provvede alle sue necessità, senza chiedere aiuto agli altri!).

 

Accome te fè ‘u litte, acchessì te curche (Ogni comodita è in proporzione dei sacrifici compiuti).

 

‘A legne no’ ttène spine e pponge, no’ ttène uesse e ffenge (Non v’è cosa peggiore di una lingua maledica).

 

Attacche ‘u ciucce addò ddisce ‘u patrune (Obbedisci docilmente, per quieto vivere, a chi comanda).

 

Accome iune nassce, acchessì passce (Ognuno continua nella sua vita quel tipo di educazione che ha ricevuto in famiglia).

 

A ccavadde dunète nò sse uarde mmocche (Il dono, qualunque esso sia, va accettato non tanto per il suo intriseco valore quanto per l’importanza e l’affetto di chi l’offre).

 

Addò stone iàddere assè nò ffèsce mè dì (Quando si è in molti a comandare o a discutete, di solito, si genera solo confusione).

 

‘A vendra ch’ene mène calce (Si dice di chi, nonostante l’opulenza in cui vive, pecca di insoddisfazione e di ingratitudine).

 

‘A fème nò rraggione (La fame non ragiona né conosce legge: chi è digiuno non sente nessuno).

 

All’opre père ‘u mestre! (La bravura si dimostra con i fatti, non con le parole).

 

‘A iaddine se spenne quanne è mmorte (Finchè si è in vita, non dare nulla agli eredi: chi si spoglia anzitempo dei propri beni, si rende infelice).

 

‘A iaddine can ò ppìzzele … signe ca bbuène ha pezzelète (Chi a tavola non mangia, indubbiamente è già sazio).

 

Avemmarije.., grazia plène: ci nan arrubbe, no’ ppasse bbène (E’ la esecrabile convinzione di chi considera il furto come il mezzo più efficace per arricchirsi e godersi la vita).

 

‘A legne batte addove ‘u dende dole (Si pensa e si ragiona volentieri delle cose che ci stanno maggiormente a cuore o che ci preoccupano molto).

 

‘A promesse è debbete (Chi ha fatto una promessa ha il dovere di mantenerla).

 

‘A bbuscì vè nnanze e ‘a veretè vène rète (La verita insegue la menzogna, la raggiunge, e percio la smaschera: col tempo si scopre).

 

Aspitte, ciucce mì, fing’arrive ‘a pagghia nove! (Si dice di una promessa a troppo lunga scadenza, e perciò vana o quasi).

 

A ffè a varve o’ ciucce se perde timbe, iacque e ssapone (Fare del bene a chi non sa apprezzarlo è cosa perfettamente inutile).

 

‘A rrobba sporche se lèeve nghèse (Non bisogna rendere pubbliche le proprie miserie o dire agli altri i fatti di famiglia).

 

‘A farine dù diàvele devende canigghie (Ciò che si acquista disonestamente non fa frutti. Le cattive azioni tornano, prima o poi, a danno di chi le ha commesse).

 

 ‘A fatije se chième checuzze: a mmè me fète e a ttè te puzze (La fatica non piace a nessuno).

 

‘A iatta frettelose fèsce i file cechète (Le cose fatte in fretta non riescono mai bene).

 

Ame rumèse Criste despueste e i lambe stutète (Dopo tanti sacrifici, dopo tanti preparativi e tanta attesa, tutto sfuma o si risolve in un’amara delusione).

 

Batte ‘u firre quanne è ccalle! (Bisogna approffitare del momento opportuno ed insistere finchè dura la situazione favorevole).

 

Cavadde curte … sembe pedditre père (La persona di piccola statura conservano più a lungo un aspetto giovanile).

 

Ci zappe vève all’acque, ci fotte vève a’ votte (Chi vive di furbi espedienti vive meglio di chi fatica onestamente).

 

Chiù ggranne è ‘u pertone … e cchiù ggruesse è ‘u cendrone (Quanto più alto ed impegnativo è l’incarico, tanto più grande è la responsabilità).

 

Chiù assè so’ i sagrestène, mène lambe s’appìccene (Quando si è in molti si conclude poco o niente).

 

Ci vè cù mèle fine fèsce mela fine (Chi va con l’inganno resta ingannato).

 

Ci vole bbène è uecchie vè chiangenne, ci vole bbène a’ vendre vè redenne (Chi ama poltrire nell’ozio, piange miseria; chi invece, lavora, si procura pane e contentezza).

 

Ci uè iode de bbona salute, da la tàvele t’h’ alze despiaciute (La sobrietà nel vitto è principio di buona salute).

 

Ci ù paravise non z’anghiève de mbruegghie, de ccè s’era a ienghie.. de pagghie? (L’imbroglio si annida là dove meno tu credi ed è fatto da chi meno sospetti).

 

Ci aspette ‘a menestre de l’alde, fredde s’ ‘a mange (Meglio darsi da fare con i propri mezzi che attendere aiuto dagli altri).

 

Cande de ciucce ‘manghe Criste ‘u vole sende (Le affermazioni degli stolti non trovano credito).

 

Cole ‘na volte se mbecò (Chi sbaglia mette giudizio, per non ricadere nello stesso errore).

 

Ci nu bbuène Natèle uè’ fè, da sanda Necole h’ ’a ccumenzè (Sin dal 6 dic., festa di san nicola, si comincia a respirare aria di natale).

 

Ci ngile sckute, mbacce le vène (Il male fatto agli altri ricade su se stessi).

 

Ci nò ttène bona mende, h’ ‘a ttenè bone iamme (Chi è distratto si rassegni a fare molta strada per rimediare alle sue dimenticanza).

Cole cumanne a cCicce … e cCicce cumanne a cCole (Col gioco dello scaricabarile, uno declina sull’altro la responsabilità).

 

Ci ù pène de l’alde te uè mangè, figghie de puttène t’ha’ da fè (Cerca di dover a te stesso, alle tue risorse, al tuo saper fare, il pane che ti mangi).

 

Ci se vande da sule è nnu fasule (Vantarsi da solo è segno o di superbia o di fessaggine).

 

Ci è ffesse se stesse a’ chèse! (Chi vale poco o nulla, si tenga in disparte! Chi è privo di attitudini per un determinato lavoro, stia al posto suo).

 

Ci se ndrighe, se iacchie ndreìete (Chi si impiccia dei fatti altrui ne resta coinvolto).

 

Ci la fatije ière bbone, l’ern’a iurdenè pure i midece (Se la fatica fosse un rimedio salutare, la prescriverebbero anche i medici).

 

Ci nò ttène uè e lli va cchianne, beneditte dDì ci nge li manne! (Chi volutamente si procura danni o disgrazie, non merita compassione neppure da parte di Dio).

 

Chiù alde è u sande e cchiù ffesse cì ù porte nguedde (Si dice di persona tanto più stolta quanto più con affettata vanità si sobbarca a grosse fatiche).

 

 Ci abbassce ‘u rème .. e cci se bbecchè ‘a fiche (Chi lavora e chi coglie il frutto del sudore altrui).

 

Ci cande no’ porte ‘a croce (Non si possono fare due cose in una volta).

Ci chiande fève, accoghie cuèzzele (Ognuno raccoglie ciò che semina).

 

Ci à fèmene vole fè, fèsce chiove e nnevechè (La donna quando c’è la mette tutta, fa miracoli).

 

Ci tène a megghièra giovene … cande, ci tène ternise … conde (Moglie giovane e portafoglio pieno sono sorgente di contentezza).

 

Ci sparagne … mbragne (Talvolta, per l’eccessivo risparmio, ci si rimette il doppio).

 

Ci lasse ‘a via vecchie e ppigghie ‘a nove, sèpe cè llasse e nnò ssèpe cè ttrove (Prima di lasciare il certo per l’incerto, si consiglia molta prudenza nei cambiamenti).

 

Cudde ch’avanze da mè, preiasse l’anne che ccambe! (E’ la preghiera del mal pagatore).

 

Ci se cundenda, iode (Chi è soddisfatto di ciò che possiede e del suo tenore di vita, vive tranquillo e contento).

 

Cosa cerchète … menza paiète (Ogni favore chiesto ed ottenuto comporta sempre un’obbligazione).

 

Ci pigghie prime, pigghie do volte (Chi profitta per primo di una circostanza resta già avvantaggiato).

 

Ci tène uèie… che sse li chiange! Ci tène pène .. che sse lu mange! (Bene e mali sono strettamente personali: ognuno si painga i propri guai, ognuno si goda i propri beni).

 

Ci vè da l’avuchète, perde l’ulteme duchète (Meglio un magro accordo che una grossa causa).

 

Ci bballe sus’ò puzze, abbassce se n’ h’ ‘a sscì (Chi vive spavaldamente nei pericoli, prima o poi ci rimetterà la pelle).

 

Ci nassce stuerte, nò mmore dritte (Chi nasce tonto, non muore quadro: difetto di natura sino alla morte dura).

 

Chiù fforte è ‘a mboste, chiù ssùbbete scorre (Quanto più veemente e più intenso è il dolore che ci coplisce, tanto meno dura).

 

Ci iève cumbassione dà carne de l’alde, chedda so se la màngene i chène (Chi ha pietà degli altri a proprio danno, commette un atto di crudeltà verso se stesso).

 

Ci desprezza combre (Spesso, dietro un apparente dispezzo per una persona o una cosa, si cela, ad arte, il desiderio di assicurarsene il possesso e di aver la merce a minor prezzo).

 

Ci mbreste nge mette ù reste (Spesso, chi dà denaro in prestito, per riaverlo ci rimette quello ed altro).

 

Ci vive de sperenze,  o’ ‘spedèle more (La speranza è una bella virtù, ma non ci autorizza a vivere nell’ozio e a far leva soltanto su di essa: chi vive solo di speranza, va a finire in un ospizio di mendicità).

 

Ci prime arrive o’ muline, prime mascìne (Chi è  primo per tempo, è anche primo per diritto).

 

Ci sparte, iève ‘a megghia parte (chi divide il bottino od altro, si riserba la porzione migliore).

 

Ciò cca lasse è perdute (Ciò che non accetti non lo avrai più).

 

Ci arrobbe fèsce nu penzijre e cii è arrubète ne fèsce cinde (Il ladro pensa solo a rubare, il derubato è preso da cento pensieri sui possibili ladri).

 

Ci te vole bbène, te fèsce chiange; ci te vole mèle, te fèsce ride (Chi per necessità di cose ricorre a mezzi energici, lo fa unicamente per il bene dell’educando; un’educazione melliflua e permissiva non solo non corregge, ma è anche di incitamento a far peggio).

 

Cumbère e cummère .. lundène come o’ mère (Guardati dal riporre in essi tutta la tua fiducia! Un pochino di diffidenza non fa male, per non mettersi, non si sa mai, come pecora fra le zanne del lupo).

 

Ci cummanne, no’ ssude (Impartire un ordine non costa niente, ma chi deve eseguirlo costa fatica).

 

Ci de nu ciucce ne fèsce nu mule, ‘u prime calce è ‘u su (Spesso sono gli stessi educatori a subire per primi le conseguenze di una cattiva educazione data).

 

Citte! Citte! Mminz’a’ chiazze (E’ cosa inutile esortare alla segretezza quando l’accaduto è già sulla bocca di tutti).

 

Carne avvezze no’ ssoffra pène (Chi è già assuefatto alla fatica, ai sacrifici o ad altro, non né risente).

 

Ci tène ternise, iève sembe raschione (Chi ha denaro si compra persino la giustizia umana, a danno di chi ha realmente ragione).

 

Ci tarde arrive, mèle allogge (Chi arriva per ultimo è sempre costretto ad adattarsi alla meglio).

 

Chiàcchiere e ffrutte (Le chiacchiere non fanno farina; le parole non bastono, ci vogliono i fatti).

 

Ci tène dinde nò ttène pène e cci tène pène nò ttène dinde (Chi ha delle aspirazioni non dispone dei mezzi per realizzarle, e viceversa. Non c’è giustizia nella distribuzione dei beni).

 

Ci fèsce ‘u fatte .. e cci porte ‘u lose (Altri commette una manchevolezza, altri ne viene incolpato).

 

Come ò chène dù prìngepe: quanne h’ ‘a sscì a ccacce, tanne h’ ‘a sscì a cchachè (Si dice di chi adduce pretesti per sottrarsi ad un incomodo).

 

Ci dorme no’ ppigghia pessce (Chi non si dà da fare, non profitta: i pigri non ottengono mai nulla).

 

Doppo dì cumbitte, ièssene i defitte (dopo il matrimonio vengono a galla i difetti degli sposi).

 

Dìbbete paiète .. fandasì passète (Estiuguere un debito è liberarsi da un grave peso).

 

Dùdece so’ lli mise, tridece so’ lli lune: la cchiù sciurneta granne è cquanne se stè desciune (Quando si è a stomaco vuoto, il tempo non passa mai).

 

Doppe l’arrore fatte, se ienghie ‘a chèse de cunziglie (Del senno di poi son piene le fosse. Quando tutto si è ormai risolro e concluso male, è facile allora, ma inutile, dare buoni consigli).

 

Dà ‘u spedèle va ‘cchianne i pezze!... (Si dice di chi fa una richiesta assurda)

 

Disse ‘u bbuon Gesù: Ci m’ha’ frechète mò…, nò mme friche cchiù (Nessuno è così stolto da farsi ingannare due volte).

 

Doche ‘na bbotte o’ nèse .. e iesse ‘u sagne da ‘u veddiche (Altri sbaglia, altri ne subisce la pena).

 

Do’ volte se sforze ‘u crestiène: cquanne fatije a ccunde su’ e cquanne mange a spèse d’altre (Quando c’è di mezzo il proprio tornaconto, ognuno è portato a raddoppiare impegno e sforzo).

 

E’ rrotte ‘a capèse: agnune a’ chèse! (Finita la festa, ognuno a casa sua).

 

Fine ca ù gruesse s’assuttelèsce, ù fine se n’è ssciute (Chi è più forte resiste, chi è più debole cade innanzi tempo).

 

Fèsce chiù nu pezzende can u valende (Un mendicante, con le continue elemosine, accumula più di quanto possa guadagnare un bravo operaio).

 

Fèmene ò volande … perìchele costande (La donna, in genere, difetta di una piena prontezza di riflessi).

 

Fa bbène .. e scuerde, fè mèle .. e pinze (Il bene fatto scrivilo sulla sabbia, il male compiuto scrivilo sul marmo).

 

Fèsce ‘u fesse pè nnò sscì à uerre (Si dice di chi fa il finto tonto o di chi fa lo gnorri per sottrarsi al suo dovere).

 

Fatte i fatte tò!... ci diavele t’ ‘u fèsce fè! (Chi si impiccia dei fatti altrui rischia di restarne coinvolto).

 

Faccia toste nò ssèpe brevogne (chi non ha pudore, non ha rossore. La timidezza ci rimette sempre, la disinvoltura ci guadagna).

 

Fìngete da fesse e ccape ù mugghi poste! (E’ l’arte subdola di chi si finge tonto e con quella sua simulata aria di semplicione riesce a gabbare i più intelligenti).

 

H’à ccrède chiù è uecchie ch’è recchie (Devi prestar fede più a ciò che vedi con i propri occhi che a quanto senti dire da altri).

Hà fatte accome a chidde de Quarète: sì ssciute chè  ffotte .. e si stète frechète (Chi va con l’inganno resta ingannato).

 

I parinde so ccome è stevèle: chiù stette vone .. è cchiù fèscene mèle (Anche tra parenti occorre un prudente equilibrio di rapporti: trattarli e amarli tutti, ma a rispettosa distanza, soprattutto da parenti affetti da invidia e da gelosia).

 

I ialde chì fiche .. e i curte chì zite (I ghibellini farfallano e i giudiziosi badano al sodo).

 

I uè dà pegnète i sèpe a’ cucchière (I guai non li conosce se non chi li soffre nel segreto del suo animo, se non chi vive in un determinato ambiente).

 

I parètre  ..nò ttènene recchie e ssèndene (Ovunque vi può essere un testimone, senza che tu te ne accorga).

 

Iacque e ffuèche … fusce quande puète (Dinanzi alla furia travolgente e devastatrice delle acque e del fuoco, non c’è altra via di scampo che fuggire).

 

I file, quanne i crissce, so ffile; quanne l’hà cresciute, so pparinde; quanne l’hà maretète, no’ so’ nninde (Finchè sono a carico dei genitori, i figli sono come il frutto attacato ai rami dell’albero; una volta passati a matrimonio, si dimenticano della casa paterna).

 

I cchiù ffisse so ssembe i prime a ffarse nnande (I più sciocchi, ma in apparenza, sono sempre i primi a sfruttare ogni buona occasione).

 

Live ‘u lagne o’ malèle! (Accontenta, per liberartene, chi ti importuna con piagnucolose insistenze).

 

L’acque ca nan ha ffatte, ngile stè (Quando una cosa avverrà di certo, non occorre disperarsi, se essa ritarda).

 

L’òmene annusce e lla fèmene strusce (Talvolta, il sudore del marito lo sciupa la moglie spendacciona).

 

La vecchie a ssettand’anne se vulève mbarè (Anche in età avanzata si può sempre imparare qualche cosa di nuovo. La vita è una scuola sempre aperta: l’ultima lezione c’è la dà la morte).

 

L’arte dù bbuon galasse: mange, bève e stè alla spasse (Si dice di chi non ha nessuna voglia di lavorare e vuol vivere a spese altrui).

 

L’àbbete nò ffèsce ù mòneche e à tòneche nò ffèsce ‘u prèvete (Non bisogna giudicare dalle apparenze; l’apparenza inganna).

 

L’òspete è accome ò pesce, doppe tre ddì affetèssce (L’ospite, dopo qualche tempo, comincia ad essere di peso).

 

Megghie ‘na trista cause can u ricche funerèle! (mille volte meglio affrontare un giudizio in tribunale che avere l’onore di un ricco funerale).

 

Megghie sule ca mèle accumbagnète! (In compagnia di individui perversi c’è tutto da perdere e nulla da guadagnare).

 

Mbère l’arte e mmìttele da parte! (L’apprendimento di un mestiere, se non è utile al presente, può esserlo nell’avvenire).

 

Megghie mire acetazze ca iacque de pantanazze (Il vino, anche se leggermente acescente, non danneggia la salute; l’acqua appantanata, invece, è facile veicolo di infezioni).

 

Mène ‘u piscke … e asconne ‘a mène (Si dice di chi colpisce proditoriamente il prossimo).

 

Mèle nò ffè … e ppaiure non avè! (Se vuoi vivere senza timore alcuno, non far del male a nessuno).

 

Megghie lite fra sserpinde ca lite fra pparindè (I peggiori litigi sono quelli che per ragione d’interesse scoppiano fra parenti).

 

Mine ‘a lenze quanne ‘u mère è ccalme! (Tenta la fortuna quando il momento è favorevole).

 

Mazze e ppanelle fanne i figlie bbelle, panelle senza mazze fanne i fliglie pazze (Per una buona educazione dei figli occorrono insieme affetto ed autorità).

 

Muerte ‘u chène, more ‘a rabbie (I cattivi, una volta passati nel mondo dei più, non possono più far del male al prossimo).

 

Megghière e vvoue do’ paise tue (La sposa e le bestie da lavoro non vanno scelte troppo lontano).

 

More nu Pèpe, se ne fèsce ‘n addune (Tutti sono sostituibili e nessuno è necessario).

 

Madama tenerine, quanne chiuvève adacquève ‘u sciardine (Si dice di chi agisce in modo illogico e perciò da insensato).

 

Nò ssò ffesse…, hagghi’a ffè ù fesse…, chè tte pegghiè pè ffesse (Quando credi di farla in barba a qualcuno, proprio allora qual tale stà progettando come gabbarti).

 

Nu cunziglie … cinde duchète (Un buon consiglio vale oro).

 

Nò ccambe ‘u dritte, ci nò stè ‘u fesse (I furbi cercano sempre di vivere a spese degli sciocchi).

 

Nessciune nassce mbarète (In ordine ad un mestiere o ad una professione tutti partiamo da zero).

 

‘Na volte passe Criste dananze a ccaste! (Una sola è la volta buona per ciascuno di noi).

 

‘N attène cambe cinde file… e ccinde file no’ ccàmbene ‘nattène (Un padre da solo sostenta tanti figli, ma tanti figli non riescono a sostenere un padre).

 

‘Na volte ogne e ttande.. perdon dDì chè ttutte i Sande (In cose lecite, un’eccezione alla regola la consente anche Dio).

 

Nò sscì credènne a cci parle troppe (Non prestare fede ai ciarlatani).

 

Nò sscì prumettènne nudde, ci nudde puète fè (Non far promesse se non puoi mantenere).

 

Numenanne ‘u diàvele, spòndene i corne (La frase si usa appunto al comparire di chi è l’oggetto del discorso).

 

Nò ttène né iarte né pparte (Si dice di chi è senza mestiere e senza mezzi di sostentamento).

 

‘Na volte h’ ‘a ssì ù sagne do nèse (Quando una cosa si deve fare, è inutile rimandare).

 

Ogne e ppizzeche gnòreche (Ogni pizzico lascia il suo segno)

 

Ogne e lleione tène ù fume su (Ognuno ha la sua indole, il suo temperamento, il suo carattere).

 

O’ ladre fèsce paiure pure ‘u sorge (Il ladro è continuamente perseguitato dal timore di essere scoperto da un momento all’altro).

 

O mange sta menestre o minete dà fenestre (O accettare una situazione o andare incontro ad una peggiore, senz’altra possibilità di scelta).

 

O farmacì o ferrar’, firreme ù ciucce ca me n’è sscì (O di un modo o di un altro, purchè sia risolta la faccenda e la si faccia finita).

 

O cuette o crude, ù fuèche l’ha vvedute (Quando si è presi da impegni più gravi e più urgenti, allora è il caso di arrangiarsi alla meglio).

 

Pigghie ‘u bbuène quanne vène, ca ‘u bbrutte no’ mmanghe mè (Poiché la vita ha più spine che rose, godi quando puoi).

 

Porta chiuse… vìseta fatte (Quel che conta è l’adempimento del proprio dovere).

 

Pigghie ‘a numenète .. e vvinne ‘u mire acite (in commercio, una volta acquistato credito presso la clientela è facile frodarla).

 

Prèdeche e mmelune hanne a iesse de staggiune (Ogni cosa a suo tempo, non solo in materia di predicazione, ma anche di consigli, di rimproveri e di lodi).

 

Pegnèta ndrenète non ze rombe mè (Le persone che sembrano malaticce vivono più a lungo di chi è sano e robusto).

 

Picche ijndr’a chijse, picche mminz’a’ chiazze, assè ijndr’a chèse (Tre ottimi consigli alle donne: poco tempo in chiesa, per i doveri verso Dio; poco tempo in piazza, per il disbrigo delle faccende; il resto sempre in casa per i doveri di moglie e di madre).

 

Pè nnu misere peccatore… penetenza generale (Talcolta, per colpa di uno solo, il castigo viene esteso anche agli innocenti).

 

Pòvere a cci no’ sse gratte chì mène so’ (In caso di bisogno, non far leva sull’aiuto del prossimo, ma rimedia ai tuoi guai come meglio puoi).

 

Picche, preste e mmaleditte (Avendo, potendo, pagando, è la migliore soluzione per liberarsi di un debito).

 

Passète ‘u sande…, passète ‘a feste (Quando una cosa non si fa o non la si ottiene a momento giusto e favorevole, difficilmente la si fa o la si ottiene dopo).

 

Pecchèye cumbessète… minze perdunète (Colpa spontaneamente confessata è per buona parte già perdonata).

 

Quanne ‘u diavele t’accarezze, vole l’aneme (Quando uno ti tratta con molta amorevolezza o ti adula o gatta ci cova).

 

Quanne ‘u pezzende vè nglorie, perde i sinze e lla memorie (Quando uno passa dalla stoppa alla seta, si dà arie, ma se ne dà tante da dimenticare la miseria soffeerta prima).

 

Quanne ‘a pignète è ggrasse, spetterre (Il troppo benessere sfocia quasi sempre nello sciupo).

 

Quanne chiove, zappe Criste (E’ Dio stesso allora che lavora la terra).

 

Quanne ‘a chèpe de sotto pigghie vizie, chède de suse perde ‘u ggedizie (Quando la passione carnale prende il sopravvento, si perde il ben dell’intelletto).

 

Quanne manghe ‘a iatte, i surge bàllane (Quando manca il superiore, i subalterni trascurano il proprio dovere).

 

Quanne i timbe ierne triste, pure Marine l’artiste facève ‘u bbanniste (Si dice di chi, per uscire dalle strettezze in cui vive, ingegnosamente si adatta a qualsiasi onesto lavoro pur di procurarsi di che vivere).

 

Se so ccangète i staggiune: i pèchere … sop’è mendune (Si agisce contrariamente all’ordine naturale delle cose e al buon senso).

 

Sacche vacande non ze mandène embite (Chi non mangia non è in grado di svolgere una qualsiasi attività).

 

Sparagne ‘a farine quanne ‘u sacche è cchijne (Serviti pure del bene che hai ma senza sciupo).

 

Sparagne e ccumbarissce (Se vuoi ben comparire, risparmia).

 

Timbe russe … iacque e mbusse (Tempo rosso di mattina, la pioggia e vicina).

 

Tinete chisse… e vvè ll’a ccunde a mmàmete (Quando uno non la vuol smettere di dare noia, di fare o dire cose sconvenienti, va punito senza tanti complimenti).

 

Tène a megghière mbriacone .. e vvole à votta chiène ( si dice di chi pretende troppo).

 

Tène à facce dù parète vecchie (Si dice di persona assai cocciuta o troppo sfrontata).

 

Tumbe e ttumbene, ù rutte porte ù sène (La dabbenaggine fa le spese sempre a vantaggio dei furbi).

 

Tu nò ttijne cè ffè e ppettenisce i chène (Si dice di chi perde tempo in cose inutili e balorde).

 

Tra ù mìdeche e à mammère s’affecuò ù creiature (Si dice di chi è complice in un’azione illecita).

 

Tire nnande, ca rète te vegne (Fa pure quello che vuoi! Poi faremo i conti).

 

Treminde a mmè .. e stè ffrisce ù pèssce (Si dice di chi, mentre sta conversando con uno, bada a tutt’altra cosa).

 

Troppa grazie, sand’Andonie (Si dice di cosa concessa con tale abbondanza da trasformare il beneficio in danno).

 

T’hà scavète ‘a fosse chì mène tò stesse (Si dice di chi procura la propria rovina).

 

U’ sazzie nò ccrède ò desciune (Chi non ha necessità di sorta, non può comprendere lo stato d’animo di chi ha bisogno di tutto).

 

U’ munne è a ppesature: iosce l’è mbacce ò nèse … e ccrè pure (I guai, nella vita, sono sempre all’ordine del giorno).

 

U’ patrune dù ciucce vè all’appète (Si dice di chi, per aver favorito gli altri, resta lui stesso svantaggiato).

 

U’ ggrasse è arrevate nganne (Si dice di chi, per effetto di eccessiva abbondanza, non si mostra mai soddisfatto).

 

U’ vove.. disce chernute ò ciucce (Si dice di chi attribuisce al prossimo difetti o vizi che sono esclusivamente propri).

 

‘U pèssce fète dà chèpe (Il cattivo esempio viene sempre dall’alto, cioe dai capi).

 

‘U vère pezzende nò ccerche pietè (Il vero povero, per sua dignità, nasconde il suo stato di bisogno, non stende la mano a nessuno).

 

‘U prim’anne ccore a ccore, ‘u seconde a ccule a ccule, ‘u terze a ccalce ngule ( Prima, la luna di miele; in seguito, discordia; infine anche ingratitudine).

 

‘U ciucce ca tire iève pure mazzète (Si dice di chi porta il maggior peso delle responsabilità e delle fatiche e, ciò nonostante, è trattato anche male).

 

‘U vrazze dì mòneche: cudde luenghe..ch’avè, e ccudde curte chè nnò ddè (Si dice di persona pronta nel ricevere e restia nel dare).

 

Vè come ‘a cannèle nnanz’o’ vinde (Si dice di persona magra e spossata per malattia).

 

Venne à lène.. e nnò tene pèchere (Si dice di chi si arricchisce con illeciti guadagni).

 

Va cchianne Criste nd’è lupine (Si dice di chi cerca l’impossibile).

 

Vosce de pòpele, vosce de dDije (L’opinione più comune è spesso quella giusta: quando tutti ripetono la stessa cosa, ci dev’essere del vero).

 

Vole fè ‘u pìpete cù cule de l’alde (Si dice di chi vuol liberarsi da una situazione imbarazzante con rischio a spese altrui).

"Inchiostro di Puglia" (il libro), in vendita, nella nostra sede.

Diventa Socio Pro Loco

PARTNERS

NICOTEL PINETO

Castellaneta Marina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Proloco Castellaneta - Via Vittorio Emanuele 89 74011 CASTELLANETA (TA) CF: 90218170737 - Partita IVA: 02944150735 - Tel./Fax 0994006178 - Tessera nazionale UNPLI 4578/2016 - Pro Loco Castellaneta iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale in data 07/08/15 con decreto n.87/II/2015